diventareSocivantaggifinanziamentigaranzietassi


 

storia

ArtigianFidiVicenza

 

                  La Garanzia che dà forza all’impresa

 

Da più di trentanni ArtigianfiVicenza conia garanzie di valore per le imprese che hanno bisogno di accedere ad un   credito bancario e parabancario di qualità.L’esigenza di disporre di garanzie per ottenere credito è connaturata al sistema economico finanziario, ed in esso il concedente pone in essere tutte le forme di tutela per aver la maggiore certezza di veder restituito il capitale prestato. Tra gli elementi fondamentali che caratterizzano un’impresa spiccano lo scopo di lucro ed il capitale di rischio un elemento quest’ultimo spesso debole nelle imprese, per cui   chi presta denaro deve chiedere garanzie di restituzione, valutando anche quelle personali degli imprenditori che spesso   possono non bastare. Ecco perché molte volte è difficile, particolarmente costoso o impossibile l’accesso al credito, specie per coloro che avviano una nuova attività. Alla fine degli anni 60 il problema fu affrontato in seno all’Associazione Artigiani della provincia di Vicenza, è trovò   soluzione tramite la progressiva costituzione di alcune Cooperative Artigiane di Garanzia distribuite nel territorio provinciale che con il patrimonio sociale, offrivano al sistema bancario garanzie di rimborso sui prestiti attivati dai soci imprenditori. Le Cooperative Artigiane di Garanzia nella provincia di Vicenza arrivarono ad essere ben 7, tutte con medesima organizzazione e funzione sociale, fornendo risultati di grande rilievo per tutto il comparto economico.Trentanni di storia non passano però senza cambiamenti ed infatti, in particolare dopo l’anno 2000 , alcuni eventi importanti sono intervenuti , tra cui meritano di essere ricordati l’introduzione dell’euro, la nuova legge quadro sui Confidi, il nuovo diritto societario e le nuove regole di Basilea 2. Tutti eventi che non potevano lasciare inalterato anche il sistema ed il tessuto operativo delle Cooperative Artigiane di Garanzia che nella continua ricerca di migliorare efficienza e valore di partnership, per rispondere sempre più e meglio alle domande di credito delle imprese, hanno concluso nell’anno 2006 un processo di fusione per offrire al mercato una garanzia di più alto valore, unica, portatrice di maggiore convenienza, la garanzia appunto di ArtigianfidiVicenza. Il nuovo modello di Confidi è ora costituito da oltre 17.000 imprese associate ed è gestito da un Consiglio di Amministrazione composto da imprenditori e vede impegnati altre decine di imprenditori in Comitati Tecnici che danno il loro contributo nella valutazione del credito. Con questo sistema ArtigianFidiVicenza nel corso di un esercizio valuta e delibera più di i 7.000 domande di credito a breve e medio termine per oltre 400.000.000,00 di euro con quote di garanzia che arrivano fino all’80%. Con questi numeri di primo piano a livello nazionale, Artigianfidi dal 2010 ha ottenuto il riconoscimento dalla Banca d’Italia ad operare come Confidi iscritto tra gli Intermediari Finanziari ex art. 107 T.U.B. Con questo passaggio importante Artigianfidi ha potuto già adeguare l’offerta di garanzia con nuovi prodotti che vedono la possibilità di controgaranzie pubbliche e la possibilità di dare garanzie alle imprese non solo sussidiarie ma anche eleggibili , dette anche a prima richiesta, che si caratterizzano per essere ancora più forti e convenienti nell’accesso al credito.

Dietro l’angolo del mercato del credito già si prospettano ancora importanti novità, non ultima Basilea 3 che non manchèrà di portare nuovi e radicali cambiamenti come il   rating ovvero quel giudizio assegnato non solo ad un Paese , ad una Istituzione pubblica e ad   enti privati , ma anche e soprattutto alle imprese. Da questo indice di affidabilità dipende sempre di più l’accesso al credito e l’applicazione del costo del denaro.

La storia dell’economia e della finanza continua e si evolve costantemente; ArtigianFidiVicenza la segue per essere sempre al passo dei tempi e pronto a fornire consigli utili e tempestivi alle imprese nel credito agevolato e convenzionato, dove invece un punto continua a restare   fermo e immutabile, quello della Garanzia.